CPL Milano Provincia

Il CPL di Milano Provincia, "Ciascuno per quel che può, ciascuno per quel che sa: tutti facciamo legalità" trova la sua ragion d'essere nella principale finalità, condivisa dalle scuole in rete del territorio, di progettare, attuare e attualizzare un percorso di crescita e di educazione alla cittadinanza e alla legalità in risposta e in contrasto a possibili pratiche criminogene, dalle quali non è immune, per la conformazione del suo tessuto produttivo, l'ovest milanese.Tali azioni sono realizzate nell'ottica che la conoscenza del contesto e le buone pratiche possano guidare i giovani studenti in un cammino che li porti ad essere cittadini consci dei loro diritti e dei loro doveri, testimoni di solidi valori di civiltà e democrazia.
Di conseguenza, l'obiettivo precipuo è dato dall'ormai ineludilbile necessità che gli studenti prendano coscienza degli aspetti più vari in cui risulta indispensabile, per il bene comune, il rispetto della legalità. 
Tale formazione della coscienza civica dei giovani studenti si forma a partire dalla età più tenera della Scuola dell'Infanzia fino a quella dei maggiorenni in uscita dalla scuola secondaria di secondo grado, attraverso la creazione di un vero e proprio Curricolo Continuo di Cittadinanza, durante il quale l'individuale coscienza civica di ogni studente si sviluppa con continuità attraverso azioni vissute in prima persona nel proprio contesto di vita quotidiana.
Pertanto, in relazione alle differenti età dei discenti, vengono attivati incontri e momenti per la conoscenza delle regole necessarie al vivere civile, anche avvalendosi degli interventi di tutti gli attori che in prima linea sono preposti al contrasto di tutte le forme di illegalità: contraffazione, spaccio di stupefacenti, gioco d'azzardo, sfruttamento della prostituzione, corruzione economica, lavoro nero, ecc., spesso frutto di azioni tutte riconducibili a fenomeni di criminalità organizzata, basati sull'intimidazione e la sopraffazione per il controllo del territorio. Testimonianze di personaggi particolarmente significativi in tal senso: Rita Borsellino, Nando Dalla Chiesa, Marisa Fiorani, permettono ai giovani di toccare con mano e di venir emotivamente commossi, e qundi spinti all'azione.
Poichè la legalità va soprattutto agita, sono stati attivati laboratori che hanno previsto ruoli attivi degli studenti: attori in performance teatrali, realizzatori di laboratori artistici, sviluppatori di app, redattori di articoli di stampa cartacea e on line, collaboratori nella gestione del sito del CPL, nell'organizzazione delle varie edizioni degli Stati generali della Legalità ed esperienze di peer education.
Non meno rilevante l'attività di formazione dei docenti per l'acquisizione di nuove professionalità dedicate, da porre in campo nei loro percorsi disciplinari e la progettazione  di eventi, organizzati in collaborazione con le autorità civili, gli enti locali del territorio e le Associazione dei genitori, rivolti ad ampliare la platea degli Stakeholder del CPL  e del sistema formativo del territorio.

In questi anni, infatti,  la rete ha infittito i suoi collaboratori, che hanno visto anche nelle associazioni del territorio, nonchè negli Enti locali dei partner solidi ed attivi. Un aiuto valido e particolarmente significativo è risultato l'apporto che le Associazioni dei genitori, dei vari Istituti coinvolti, hanno portato sia in termini di fattiva attività in sinergia con i docenti, sia in termini di testimonianza, quali adulti che ritengono indispensabile spendere forze ed energie per affermare l'importanza di agire contro il crimine organizzato.

http://www.cplvia.altervista.org/

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.